7 mesi fa 15/06/2020 11:27

World Rugby, riunione al vertice per riorganizzare il calendario mondiale

Sarà un incontro decisivo per riscrivere i calendari degli eventi internazionali

Si terrà oggi a Dublino, e sarà un incontro al vertice (da remoto) che coinvolgerà le massime federazioni globali. L'obiettivo: la riprogrammazione dei calendari internazionali e l'allineamento degli eventi dell'Emisfero Nord con l'Emisfero Sud.

Una vera impresa per World Rugby, che si prepara alle proposte delle federazioni partecipanti. Nello specifico ci saranno le 6 del Sei Nazioni (Francia, Inghilterra, Galles, Scozia, Italia, Irlanda), le 4 del Rugby Championship (Argentina, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica) più Fiji e Giappone.

I membri del Consiglio di World Rugby si preparano a quella che sarà una battaglia, quindi non avremo una decisione definitiva già stasera. In più sarà il Consiglio ad avere l'ultima parola, ma le federazioni avranno modo di mostrare i muscoli.

Tra gli scenari proposti, si prevede: inizio stagione a febbraio, con il Sei Nazioni spostato a marzo/aprile, e i Test match internazionali/Mondiali di rugby ad ottobre/novembre. A dicembre e gennaio riposo e preparazione atletica. Un'altra proposta prevede di mantenere la situazione attuale, con il Sei Nazioni a febbraio.

Ovviamente a farne spese saranno i campionati nazionali, in particolar modo il Top14 (l'evento di rugby più lungo dell'anno), dal momento che si passerebbe da 10 a 6 mesi a disposizione. Questo causerebbe una riduzione di introiti da parte della LNR, da 165 a 130 milioni di euro.

A tal proposito la LNR ha presentato la sua proposta: "Estendere fino a novembre il calendario internazionale, una Coppa del Mondo per Club ogni quattro anni, le coppe europee ridotte a otto mesi e una riduzione della durata del Sei Nazioni" 

Insomma di allineamento Nord/Sud c'è ben poco, per ragioni anche stagionali (quando qui è inverno lì è estate) pertanto il Nord si dividerebbe tra settembre e luglio, il Sud tra febbraio e ottobre. Secondo alcune indiscrezioni la RFU è pronta ad appoggiare la proposta francese, in particolare l'idea di un Mondiale per Club, che riunirebbe le otto migliori squadre al mondo in un evento organizzato a cadenza quadriennale, da disputare in primavera.

 

Foto Twitter @billbeaumont

notizie correlate

Irlanda: i 36 giocatori per il 6 Nazioni 2021

Irlanda: i 36 giocatori per il 6 Nazioni 2021

Tadhg Furlong torna dopo un anno, due gli esordienti chiamai da Andy Farrell, escluso Jacob Stockdale
Zebre-Edinburgh 10-26, gli highlights [VIDEO]

Zebre-Edinburgh 10-26, gli highlights [VIDEO]

Tutte le mete di Zebre-Edinburgh nel recupero di Pro14
Pro14: Blair Kinghorn salterà il match con le Zebre

Pro14: Blair Kinghorn salterà il match con le Zebre

L'estremo scozzese e il coach Richard Cockerill non sono partiti per la trasferta di Parma
Galles: i 36 giocatori per il Sei Nazioni 2021

Galles: i 36 giocatori per il Sei Nazioni 2021

Richiamato Dan Lydiate, Josh Macleod all’esordio
Scozia: i 35 giocatori per il Sei Nazioni 2021

Scozia: i 35 giocatori per il Sei Nazioni 2021

Convocato il promettente Cameron Redpath, figlio dell’ex capitano Bryan
Quando il Trofeo della Coppa del Mondo venne rubato

Quando il Trofeo della Coppa del Mondo venne rubato

Scomparso per vent'anni e ritrovato in una fossa
Coppe Europee: si va verso gli ottavi senza le francesi

Coppe Europee: si va verso gli ottavi senza le francesi

Champions e Challenge Cup entreranno direttamente nella fase a eliminazione diretta
Bath e Wasps deflagranti, marcano 11 mete [VIDEO]

Bath e Wasps deflagranti, marcano 11 mete [VIDEO]

A segno anche Paolo Odogwu, italo-nigeriano ma probabilmente già nel mirino di Eddie Jones

ultime notizie di World Rugby

notizie più cliccate di World Rugby