1 anno fa 16/10/2019 17:33

Il capitano Matteo Corazzi e i nuovi obbiettivi del Mogliano Rugby

“Ripartire dalle certezze in mischia chiusa per sviluppare un gioco aperto più interessante ed efficace”

Lo scorso anno il campionato del Mogliano Rugby è stato a due facce. Nessuno avrebbe previsto un inizio così a razzo con 5 vittorie dopo le prime 8 partite, 25 punti che a metà novembre davano di fatto la sicurezza della salvezza virtuale. Poi il tremendo calo con la successiva vittoria arrivata dopo più di tre mesi (21-20 in casa con il Verona), nel mentre le pesanti sconfitte con Fiamme Oro (10-60), San Donà (43-14) e Medicei (50-0). Quest’anno alla guida dei bianco blu c’è il giovane allenatore Salvatore Costanzo subentrato all’esperto Andrea Cavinato, a guidare i suoi direttamente dal campo il confermatissimo capitano Matteo Corazzi, terza linea classe ’94 cresciuto rugbisticamente nel Gubbio prima, e a Perugia poi.

 

Che campionato sarà quello del Mogliano stavolta?
“Abbiamo portato avanti una campagna acquisti con l’obbiettivo di ampliare la rosa. Questo perché dopo l’esperienza dello scorso anno, quando abbiamo raggiunto la salvezza relativamente presto, ad un certo punto avevamo finito sia la benzina che i giocatori disponibili (causa infortuni come spesso capita nell’arco di una stagione). Quindi per non commettere lo stesso errore abbiamo ampliato la rosa ed il livello medio dei giocatori.”

 

Qual’è il vostro obbiettivo stagionale?

“L’obbiettivo è fare meglio dell’anno scorso. C’è tanto entusiasmo, siamo un gruppo nuovo che vuole fin da subito trovare la giusta sintonia per lavorare al meglio e togliersi maggiori soddisfazioni della passata stagione”.

 

La scorsa stagione siete stati la mischia più performante del campionato. Che tipo di gioco vorrà esprimere quest’anno il Mogliano?

“Nell’arco dello scorso campionato abbiamo costruito le nostre certezze su una conquista efficace, soprattuto in mischia. E’ anche vero che limitare il nostro gioco alla sola conquista è limitante perché diventa facile per le altre squadre trovare delle contromisure su questo piano. Vogliamo sicuramente sviluppare un gioco aperto più interessante ed efficace rispetto al passato.”

 

Allo stadio "Quaggia" di Mogliano Veneto sabato parte uffcialmente la nuova stagione (ore 15.00), ospite dei leoni bianco blu la Lazio Rugby 1927.

Il calendario completo di Top12 2019/20

 

 

 

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

Andrea Frondizi  1 anno fa

Grande capitano

notizie correlate

Paolo Garbisi dopo la finale: "Questo è per chi diceva che ci avrebbero distrutto!"

Paolo Garbisi dopo la finale: "Questo è per chi diceva che ci avrebbero distrutto!"

Al termine della vittoriosa finale di Treviso, le parole di Kieran Crowley, Paolo Garbisi e Michele Lamaro
Lions Tour, il XV che Gatland ha lasciato a casa [VIDEO]

Lions Tour, il XV che Gatland ha lasciato a casa [VIDEO]

I migliori che non prenderanno parte al Tour in Sudafrica
Aldo Birchall allenatore in Russia

Aldo Birchall allenatore in Russia

Il coach italiano racconta le sue prime settimane nello staff del CSKA Rugby di Mosca
John Wells su rugby italiano e Nazionale

John Wells su rugby italiano e Nazionale

“I giocatori italiani giocano duro ma peccano di comprensione del gioco”
I cardini tecnici della touche secondo Marco Bortolami

I cardini tecnici della touche secondo Marco Bortolami

Allenare la touche, impostare il gioco in base alle qualità dei propri giocatori
Rugby Colorno: Cristian Prestera “la nuova rosa giocatori è in linea con il progetto societario”

Rugby Colorno: Cristian Prestera “la nuova rosa giocatori è in linea con il progetto societario”

L’head coach argentino fa il punto della situazione dopo le prime tre settimane di allenamenti

ultime notizie di Top12

notizie più cliccate di Top12