5 anni fa 01/05/2017 13:11

Il TMO... anche nel calcio!

Una versione calcistica del TMO del rugby farà la sua apparizione il prossimo giugno a livello internazionale

Finalmente il rugby fa un pò di scuola e insegna qualcosa agli altri sport. Uno in particolare, che da anni lamenta l'assenza della "moviola in campo", negata a più riprese da un signore, ex-colonnello dell'esercito svizzero, che per vent'anni è stato ai vertici del calcio mondiale.

Gianni Infantino, attuale presidente FIFA, aveva già consentito la sperimentazione dell'assistenza video in occasione della Coppa del mondo per club 2016 e adesso l'approvazione ufficiale è arrivata per il suo utilizzo in occasione della Confederations Cup 2017 (in programma tra il 17 giugno e il 2 luglio) e in vista dei prossimo Mondiali di calcio in Russia

Il sistema noto come VAR, Video Assistan Referee, già testato in occasione di alcune amichevoli internazionali, sarà utilizzato in linea di massima allo stesso modo di come avviene nel rugby. L'arbitro potrà farne ricorso in caso di: gol viziati da irregolarità o fuorigioco palesi non visti dal guardalinee, rigori dubbi, falli da espulsione e scambi di identità fra i calciatori da sanzionare. 

A riguardo il numero 1 della FIFA ha dichiarato: "Se possiamo aiutare l'arbitro a non commettere errori, facciamolo. In questo modo oltre ad aiutare il direttore di gara, renderemo più giustizia ai tifosi e al pubblico". 

Insomma dopo anni e anni la FIFA ha optato per un meccanismo che World Rugby introdusse sedici anni fa, quando nel 2001 l'allora International Rugby Board decise di affiancare un assistente arbitrale in cabina di regia che potesse essere consultato dal direttore di gara in situazioni di gioco dubbie. Nel rugby league il TMO è stato addirittura potenziato mediante l'introduzione del Bunker NRL.

Nel calcio ci si è arrivati tardi dopo anni di gestione "farlocca" della FIFA, troppo vincolata a legami commerciali che rendevano necessari gli "errori arbitrali". Perchè la certezza di un immagine video rende difficile truccare i risultati. Perchè alla fine le polemiche dei critici creano mercato, tenendo incollati gli accaniti tifosi-allenatori di calcio ai teleschermi per seguire le trasmissioni dei post partita più trash coadiuvate dal Graziano Cesari di turno. Non è un caso che a questa decisione ci si è arrivati per gradi dopo che Blatter e il Comitato FIFA, probabilmente a malincuore, approvarono la costosissima goal-line technolgy nel 2013.  

Per ora la palla ovale può fregarsi le mani per aver, con semplicità, anticipato di anni il mondo del calcio. Perchè il rugby "non si capisce", "è pieno di regole", "non ha senso", però alla fine è l'unico sport che, rispetto agli altri, insegna qualcosa...

notizie correlate

Ufficiale: Sergio Parisse si ritira a fine stagione

Ufficiale: Sergio Parisse si ritira a fine stagione

L’ex capitano dell’Italia lascia aperta una porta alla Nazionale per il mondiale
Il Sei Nazioni compie 140 anni, facciamo un riepilogo

Il Sei Nazioni compie 140 anni, facciamo un riepilogo

Tutti gli aneddoti del "Greatest Championship", dal 1883 ad oggi
La sagoma alta 5 metri di Richie McCaw

La sagoma alta 5 metri di Richie McCaw

A Kurow, cittadina che ha visto crescere 5 grandi All Blacks
Il meglio e il peggio del rugby nel 2022

Il meglio e il peggio del rugby nel 2022

Tra Ange Capuozzo e le vittorie delle Nazionali, un anno di successi per il rugby italiano
Premiership  inglese: Worcester Warriors sospesi dal campionato

Premiership inglese: Worcester Warriors sospesi dal campionato

Problemi economici per il club, la RFU estromette i Warriors
Minirugby: domenica il Trofeo dell’Ovo

Minirugby: domenica il Trofeo dell’Ovo

Al Nelson Mandela di Lainate il triangolare Under 7, 9, 11 e 13
Borse di Studio Filippo Cantoni: ecco i vincitori 2022

Borse di Studio Filippo Cantoni: ecco i vincitori 2022

La rugbista Ilenia Marchegiani e lo studente Luca Di Biase i vincitori di questa edizione

ultime notizie di Tecnologia

notizie più cliccate di Tecnologia