1 anno fa 16/11/2017 10:26

Marcello Cuttitta: “A Milano mancano le strutture, serve un grande stadio”

“L'Italia ha pagato quel cambio di generazione che doveva fare 10 anni fa”

Marcello Cuttitta, assieme al fratello Massimo, ha fatto la storia della Nazionale Italiana di Rugby, lui giocava ala ed è stato il miglior marcatore della storia dell'Italia ai mondiali con 6 mete in 3 edizioni (1991, 1995, 1999). Marcello, ora allenatore dei Lyons Settimo Milanese in Serie C, è recentemente tornato dalle Bermuda dove ha allenato la rappresentativa “Italian Classic XV”, un torneo dedicato alle leggende del rugby mondiale.

Lui che con la maglia del Milan ha portato a Milano quattro scudetti in 10 stagioni parla del rugby milanese da Il Giorno:

Cosa manca a Milano per tornare quella di vent'anni fa?  “Mancano le strutture: è difficile che un imprenditore faccia un investimento in assenza di un campo all'altezza. Serve uno stadio che possa ospitare 15.000-20.000 persone”.

E’ periodo di test match, la Nazionale di O'Shea sabato ha vinto la prima partita dopo 9 KO consecutivi... “L'Italia ha pagato quel cambio di generazione che doveva fare 10 anni fa”.

Tornando al passato, i fratelli Cuttitta hanno fatto parte di quel grande Milan che ha dato spettacolo in tutta Italia, in quegli anni avevano vestito il rosso nero campioni del calibro di Diego Dominguez, Franco Properzi e David Campese…

“E pensare che abbiamo rischiato di non venire a Milano” - spiega Cuttitta - “all'epoca io e Massimo giocavamo ne L'Aquila, la nostra prima società. Essendo appena arrivati dal Sudafrica, la regola federale non prevedeva alcun trasferimento e quindi L'Aquila Rugby non ci diede il nulla osta per il trasferimento a Milano. E dire che eravamo già da un pezzo nel giro della nazionale. Insomma, per colpa di un regolamento un po' sciocco ho perso due anni e mezzo di attività. Il Milan pagò fior fior di quattrini per averci.”

“L'Amatori Milano faceva parte della polisportiva della Mediolanum voluta da Silvio Berlusconi, dove eravamo seguiti professionalmente da medici, allenatori e preparatori all'altezza. E la nostra squadra era composta da 12/15 dei titolari della nazionale italiana. E fu proprio quel gruppo II che portò l'Italia nel 6 Nazioni.”

Risale al 1996 l’ultimo scudetto vinto, poi cosa è successo? “Berlusconi decise di intraprendere la carriera politica e quindi lentamente si sciolse la polisportiva. L'Amatori, che per due-tre stagioni giocò con il marchio Milan, fu l'ultimo a sciogliersi. E nel frattempo Berlusconi ci diede due anni di buonuscita, così abbiamo avuto il tempo di decidere quali strade percorrere. C'è chi rimase a Milano per cercare un lavoro, chi come mio fratello accettò un'offerta dall'estero. A me arrivò una proposta dai Leicester Tigers in Inghilterra, ma rinunciai.”

 

In foto Mauro Tommasi e Marcello Cuttitta (dx)

notizie correlate

Australia: Brad Burke “mi fido di Cheika”

Australia: Brad Burke “mi fido di Cheika”

Le chance dell’Australia al mondiale giapponese nelle parole di Brad Burke, numero 9 wallaby con Ella e Campese (con un passato anche in Italia, a Milano)
Micky Steele-Bodger: il carpentiere d’acciaio

Micky Steele-Bodger: il carpentiere d’acciaio

L'omaggio di di Giorgio Cimbrico a Micky Steele-Bodger, per trent’anni presidente dei Barbarians
La Nazionale italiana di Rugby compie 90 anni

La Nazionale italiana di Rugby compie 90 anni

Nel 1929 la prima partita di Rugby dell’Italia
Spagna 1988: una touche così non si era mai vista [VIDEO]

Spagna 1988: una touche così non si era mai vista [VIDEO]

Giocata da touche stile Bowling per la Spagna al Trofeo FIRA
Ambrogio Bona: a muso duro

Ambrogio Bona: a muso duro

Ambrogio Bona ha indossato 50 volte la maglia della nazionale, 18 delle quali da capitano, e ha preso parte al primo grande tour degli Azzurri nel sud del mondo, quello del 1973 in Sudafrica, e nel 1979 era in campo a Rovigo nella prima sfida giocata dal
Marco Bollesan: nel nome del rugby

Marco Bollesan: nel nome del rugby

( di Roberto Vanazzi) Marco Bollesan è il monumento del rugby italiano. Vincitore di due scudetti, con la Partenope e il Brescia, il flanker ha vestito la maglia della nazionale per dieci anni, di cui sei da capitano. Da allenatore Bollesan ha guidato g

ultime notizie di Serie C

notizie più cliccate di Serie C