2 anni fa 10/10/2019 15:39

L’Unione Rugby L’Aquila rinuncia ufficialmente alla Serie A

Per la prima volta in 71 anni L’Aquila mancherà dai primi campionati nazionali

L’Unione Rugby L’Aquila non esiste più. La franchigia fondata solo due anni fa che riuniva le quattro realtà del territorio Polisportiva L'Aquila Rugby, L'Aquila Neroverde, Vecchie Fiamme e Gran Sasso ha ufficialmente rinunciato al campionato di Serie A 2019/20.

L’ufficializzazione è avvenuta dopo l’assemblea straordinaria di martedì quando è stata sottoscritta la liquidazione della società e la rinuncia al titolo sportivo di Serie A. Il Corriere dello Sport parla di un buco insanabile da 49.000 euro.

“Abbiamo cercato di fare l'impossibile - dichiara Nicola Caporale che nell'ultimo mese era stato nominato presidente - ma non ce l'abbiamo fatta. Ora le polemiche non servono a nulla.”

“Voglio solo ringraziare i quattordici atleti che sono voluti rimanere a L’Aquila piuttosto che spostarsi in altre realtà di Serie A, parlo di Diego Di Santo, Giorgio Daniele, Luca Niro, Massimo Sansone, Anthony Mejia, Alessio Ciaglia, Stefano Chiarizia, Lorenzo Pupi, Nicola Tinari, Riccardo Corazza, Diego Fulgenzi, Francesco Soldati, Lorenzo Pupi e Andrea Mastrantonio (gli ultimi cinque classe 2000)” commenta dal Messaggero Nicola Caporale.

Con il titolo sportivo che passa alla Fir si chiude la storia di quella che è stata per decenni una gloriosa isola del rugby italiano, L’Aquila Rugby ha infatti vinto 5 scudetti, l'ultimo, datato 1994,resta un ricordo lontano. Ricordo lontano come lo Stadio Fattori in quell'11 settembre 2009, la prima partita a L’Aquila dopo il terremoto, quando i nero verdi tornarono a giocare e a vincere battendo la ben più quotata Rugby Viadana nel campionato Super 10.

Ora il rugby aquilano ripartirà dalla Serie C1 con la Polisportiva L’Aquila Rugby che non giocherà più al Fattori ma al Centi Colella, e sarà allenata dai coach Alessandro Marozzi e Luigi Milani. La Polisportiva accoglierà 12 dei giocatori svincolati per ripartire dalla Serie C.

Per la prima volta in 71 anni L’Aquila mancherà dai primi campionati nazionali.

 

Il campionato di Serie A 2019/20

 

 

Scopri i nuovi paradenti Sisu:

Paradenti SISU

Tomas De Torquemada  2 anni fa

un vero pezzo di storia. Per chi andava a giocare all'Aquila, durante gli anni d'oro, era veramente dura

Nicola Cherici  2 anni fa

Che triste

Aldo Nalli  2 anni fa

Ma di questo che è successo, importa a qualcuno? Ma figurati, basta che il rugby che conta stia al nord, continuando a foraggiare squadre fanalino di coda fisse come le zebre, tanto è soltanto fallita una squadra dove sono cresciuti giocatori che hanno fatto l'orgoglio della nazionale, uno fra tutti Andrea Masi. Madonna che indifferenza.....

Aldo Nalli  2 anni fa

Comunque complimenti per la foto dell'articolo, il il 99 non è un numero qualsiasi

notizie correlate

Leicester Tigers Camp Italia: ancora pochi posti disponibili

Leicester Tigers Camp Italia: ancora pochi posti disponibili

A Vada la tappa dei Leicester Tigers Camp Italia 2022
Nazionale italiana dei Vigili del Fuoco Campione del Mondo 2022

Nazionale italiana dei Vigili del Fuoco Campione del Mondo 2022

Gli azzurri vincono i World Police & Fire Games di Rotterdam
Rugby: a Palermo il primo Centro Federale del Meridione

Rugby: a Palermo il primo Centro Federale del Meridione

Innocenti: “punto di non ritorno sull’impegno dello sviluppo del rugby al sud”
Ready to Grow: lo sviluppo della performance rugbistica a “Roma Sud”

Ready to Grow: lo sviluppo della performance rugbistica a “Roma Sud”

“Aiutiamo i giovani a far emergere queste potenzialità al momento giusto”
Borse di Studio Filippo Cantoni 2022

Borse di Studio Filippo Cantoni 2022

On line i bandi per l’edizione 2022
Rugby: Nick McCarthy fa coming out

Rugby: Nick McCarthy fa coming out

Il giocatore del Leinster: “avevo pensato di lasciare il rugby”

ultime notizie di Serie A

notizie più cliccate di Serie A