2 mesi fa 30/05/2020 02:34

Premiership inglese: bocciate le nuove regole sperimentali di World Rugby

In Nuova Zelanda, Inghilterra e Galles non verranno adottate modifiche al regolamento

La Premiership non adotterà le nuove regole sperimentali di World Rugby per ridurre il rischio di contagio dal virus corona.

 

Nei giorni scorsi il comitato esecutivo di World Rugby ha approvato 10 sperimentazioni facoltative al regolamento per fornire alle federazioni alcune misure di aiuto alla riduzione dei rischi di trasmissione del Covid-19. Le modifiche temporanee sono facoltative per ogni federazione che in autonomia deciderà se e cosa sperimentare.

 

La federazione neozelandese ha già annunciato che non adotterà modifiche al regolamento per il campionato di Super Rugby Aotearoa che inizierà il 13 giugno, anche il Galles sta andando verso questa direzione mentre dal Guardian ci giunge notizia che in Inghilterra non c’è nessuna intenzione di adottare le nuove regole sperimentali per quando ricomincerà la Premiership.

 

 

“La Premieship non adotterà nessuna delle modifiche al regolamento di World Rugby per ridurre il rischio di trasmissione del coronavirus” scrive il Guardian. Tra le 10 sperimentazioni facoltative al regolamento, annunciati da World Rugby giovedì, c’è la riduzione delle mischie chiuse, la limitazione dei giocatori partecipanti a maul e ruck, l’introduzione di un cartellino arancione per i placcaggi alti (fuori 15 minuti) e la riduzione del tempo di "utilizzo" della palla da cinque secondi a tre.

 

Tutte le nuove regole opzionali sono state studiate per ridurre il rischio di trasmissione del virus tra i giocatori, si parla di percentuali che variano dal 25-50% per i contatti in ruck, mischie e maul. La Premiership avrebbe bisogno dell'approvazione della Rugby Football Union ma - si legge dal Guardian - non intende farne richiesta.

 

 

Un portavoce della Premiership Rugby ha dichiarato: “Stiamo valutando tutti gli aspetti del gioco per garantire il ritorno sicuro della Gallagher Premiership Rugby ma non prevediamo alcuna modifica del regolamento”. Questo nonostante non ci sia ancora una data certa per la ripresa del massimo campionato inglese.

 

Dalla BBC Radio l’allenatore degli Exeter Chiefs Rob Baxter: “Sono rimasto un pò deluso quando ho sentito altri allenatori e alcuni giocatori commentare l’argomento, sembra che stiamo trovando tutti i motivi per non giocare. In realtà in Premiership si sta creando un ambiente più sicuro che nella vita di tutti i giorni per i giocatori e staff. È molto più sicuro allenarsi e giocare che andare al supermercato, dove tocchi cose che altre persone potrebbero aver preso e rimesso negli scaffali e dove le persone spesso infrangono la regola dei due metri di distanza”.

 

Leggi anche: World Rugby - 10 nuove regole anti covid in via di sperimentazione

 

Nick Mastandrea  2 mesi fa

Scusate, Inghilterra, Nuova Zelanda, Galles... certo ne capiscono poco di rugby queste Nazioni!!! E magari noi le adottiamo le regole esperimentali...

notizie correlate

COVID19: caso positivo a Carcassone nel ProD2

COVID19: caso positivo a Carcassone nel ProD2

Un caso positivo rischia di far saltare il match tra Perpignan e Carcassone
Nuovi casi di COVID ad Auckland, Blues-Crusaders a rischio

Nuovi casi di COVID ad Auckland, Blues-Crusaders a rischio

La città neozelandese finisce nuovamente in lockdown
Derby Pro14, la Federugby presenta il protocollo

Derby Pro14, la Federugby presenta il protocollo

Zebre e Benetton giocheranno a porte chiuse, test sierologici e tamponi prima e dopo le partite
Allarme Stade Français, si sospettano 25 casi di COVID-19

Allarme Stade Français, si sospettano 25 casi di COVID-19

Membri dello staff, dirigenti e giocatori contagiati dopo il ritorno da Nizza
Per Blues-Crusaders ci sarà il tutto esaurito

Per Blues-Crusaders ci sarà il tutto esaurito

Attesi oltre 43,000 spettatori, un sold-out senza precedenti
Billy Vunipola nel pensatoio: "ai Mondiali avevo la testa tra le nuvole"

Billy Vunipola nel pensatoio: "ai Mondiali avevo la testa tra le nuvole"

Il terza linea centro confessa alcuni problemi avuti nel recente passato, compresi i rapporti difficili con il fratello Mako
Exeter Chiefs a rischio fallimento se si gioca a porte chiuse

Exeter Chiefs a rischio fallimento se si gioca a porte chiuse

Il CEO Tony Rowe è stato chiaro "gli sponsor e i diritti tv servono, ma noi campiamo con i biglietti venduti ai tifosi"
Scozia, giocatori in guardia in vista della ripresa del Pro14

Scozia, giocatori in guardia in vista della ripresa del Pro14

Ad Aberdeen due casi positivi tra i calciatori della Premier League in un pub, e il CEO Mark Dodson avverte i rugbysti

ultime notizie di Premiership

notizie più cliccate di Premiership