5 anni fa 10/02/2017 09:41

Emigrants: Michele Rizzo

Intervista al pilone dell’Italia ora in forza ai Leicester Tigers

Michele Rizzo ci scrive da Leicester, la città resa famosa nel mondo del pallone rotondo da Mr Claudio Ranieri (che ora, vinto il titolo, è a un punto dalla zona retrocessione e rischia l’esonero) e per quello ovale dalle Tigri del locale club. È lui, padovano formato nel vivaio del Petrarca, l’Emigrants di giornata. Anche lui fatica in prima linea, come Lorenzo Cittadini, nella squadra che fu per anni la casa di Martin Castrogiovanni.

1 - Dove risiedi durante la stagione agonistica?

Vivo a Leicester, capoluogo delle Midland Orientali, poco meno di 300 mila abitanti che salgono a 450 mila con la cintura urbana, grosso modo la popolazione di Padova. Il fiume che bagna la città è il Soar.

2 - La città che ti ospita è…

Sicuramente interessante, come tutte le città che, negli anni, hanno conosciuto dominazioni e contaminazione più diverse. Leicester è stato, nell’ordine: sito fortificato dei Britanni, poi città romana, quindi Sassone, e poi fu invasa dai Danesi, che ne fecero una delle loro cinque province normanne. Prese anche parte alla guerra civile inglese schierandosi con le “teste tonde” di Oliver Cromwell. Da poco sono state scoperte sotto un parcheggio e riportati alla luce i resti di Re Riccardo III d’Inghilterra. Se ti piace la storia, Leicester è la città giusta!

3 - Il rugby nella città in cui vivi ha un ruolo “sociale” …

Molto rilevante. Lo si percepisce andando in giro per i pub della città e lo si coglie nettamente nei week end di campionato.

4 - Da cosa te ne sei accorto?

La città ci segue, tutti ti riconoscono per strada e l'andamento della squadra scandisce gli umori della gente. Se perdi e giochi male, per esempio, ti fermano per strada chiedendoti cosa stia succedendo. Ma senza voglia di fare polemiche, ti incoraggiano a fare meglio, a tornare a vincere.

5 - La tua settimana da atleta …

Lunedì: palestra, meeting con review della partita giocata, allenamento in campo e preview della partita successiva
Martedì: riunione reparti, mischie, rimesse laterali, palestra, allenamento collettivo (attacco/difesa)
Mercoledì: riposo
Giovedì: palestra e allenamento collettivo
Venerdì: team run
Sabato: partita
Domenica: riposo

6 - La rosa del tuo attuale club è di ….

48 elementi contando anche i giovani che arrivano dall'Academy

7 - Lo staff tecnico del tuo attuale club è composto da…

DOR (director of rugby), head coach, fowards coach, backs coach, defence coach, skills coach, line out coach, cui si aggiungono 4 video analyst e 5 fitness coach.

8 - Il pubblico medio agli incontri interni è di …

Abbiamo una media di 22/23.000 spettatori a partita, con punte di 25.000 quando c'è il sold out,

9 - Il rapporto con i tifosi è…

Molto buono, sono appassionati e informati su tutto. Conoscono il gioco e ne parlano con una competenza media che definirei: molto elevata. Ne capiscono, insomma.

10 - Nella tua squadra quanti sono i giocatori che NON provengono dal paese che vi ospita?

Più di 20, quasi la metà

11 - Il motivo per cui hai scelto di andare a giocare all’estero

Vincere qualcosa di importante e confrontarmi con i più forti. Oltre a fare un’esperienza in un mondo diverso da quello dove sono nato e dove mi sono formato. Credo che le differenze siano un patrimonio a disposizione di tutti noi e che sia sbagliato non farne il giusto uso.

12 - Obiettivo raggiunto?

Solo parzialmente, lo ammetto. Almeno per adesso!

13 - Hai dato una scadenza alla tua permanenza all’estero o pensi di finire la carriera fuori dall’Italia?

Nessuna scadenza e nessun calcolo. Progetti tanti, ma ci sto ancora pensando

14 - Una caratteristica tecnica peculiare del campionato in cui giochi

La Premiership è un campionato molto duro e usurante, soprattutto dal punto di vista fisico. Ogni partita è come un test match internazionale e la preparazione deve essere all’altezza dell’impegno richiesto. Non ci sono partite facili.

15 - Hai già pensato alla tua futura collocazione post rugby giocato?

Ho frequentato il corso allenatori inglese di primo e secondo livello e mi piacerebbe trasmettere la mia esperienza ai giovani italiani, soprattutto nel reparto degli avanti. Un giorno, mica subito!

 

Risultati e classifica di Aviva Premiership

Foto Elena Barbini

notizie correlate

Il giovane Sebastiano Villani in Major League

Il giovane Sebastiano Villani in Major League

L’ex giocatore della Rugby Parma approda tramite Draft in New Orleans
Giovani talenti: David Odiase va in Francia

Giovani talenti: David Odiase va in Francia

Il terza linea passa dal Colorno all’Oyonnax
Luca Morisi ai London Irish, piccola colonia italiana a Londra

Luca Morisi ai London Irish, piccola colonia italiana a Londra

Sale vertiginosamente il numero di giocatori italiani nei top club di Premiership e Top14
La Stella di Germania, l’esordio di Edoardo

La Stella di Germania, l’esordio di Edoardo

Un giovane italiano all’esordio con la Germania del rugby
Rugby: Azzurri all’estero

Rugby: Azzurri all’estero

Da Sergio Parisse a Federico Mori, le truppe italiane tra Francia e Inghilterra
Francesco Minto: pillole del sistema rugbistico inglese

Francesco Minto: pillole del sistema rugbistico inglese

“Il rugby italiano per qualche anno si è congelato, si è perso l’entusiasmo”
Le nomination per il miglior Giovane del campionato Top10 2021/22

Le nomination per il miglior Giovane del campionato Top10 2021/22

Premio dedicato a Giorgio Sbrocco, ecco i 9 candidati

ultime notizie di Premiership

notizie più cliccate di Premiership