1 mese fa 25/06/2022 20:15

La maul salva l’Italia, Portogallo battuto nel finale 31-38

Tanta fatica a Lisbona per gli Azzurri

Ha fatto tanta, troppa fatica l’Italia oggi a Lisbona contro il Portogallo nel primo test match del Tour Estivo 2022. Gli Azzurri subiscono le iniziative di un modesto Portogallo, commettono falli che costano due cartellini gialli (Marin e Da Re) e che sarebbero potuti costare la partita. Nel secondo tempo le buone prestazioni dei ragazzi entrati dalla panchina e soprattuto la maul avanzante ci permettono di segnare mete recuperare il punteggio e vincere 38-31, ma che fatica!

Il match:

Molto vento all’Estadio do Restelo di Lisbona con il match si presenta subito complicato nella gestione al piede da parte del triangolo allagato. Il Portogallo gioca ordinato senza strafare guadagnando un calcio di punizione e la meta tecnica per placcaggio alto di Marin (cartellino giallo) su Marta, dopo 17 minuti siamo sotto 10-0 e con un uomo in meno.

La prima azione degna di nota l’Italia la mostra al 20esimo, in quattordici, dal multifase è il mediano Fusco a marcare da ripartenza, 10-5. Leonardo Marin si fa perdonare poco dopo il suo rientro in campo stoppando un calcio del mediano e andando a segnare la sua prima meta in Nazionale, Da Re sbaglia la trasformazione, 10-10. Nel finale di primo tempo altra meta di Marta su rimbalzo fortunoso, si va all’intervallo sul 17-10.

 

A inizio secondo tempo grave errore nella salita difensiva azzurra, Sousa buca la linea, l’ovale finisce al capitano Appleton che segna una ottima meta portoghese, 24-10. Kieran Crowley cambia quattro giocatori e i risultati si vedono subito con il buco del neo entrato Federico Ruzza, l’ovale viene mossa a Lucchesi che serve Padovani per la meta azzurra, Da Re trasforma, 24-17. Ci rifugiamo nella maul, al 54’ segna Lucchesi, 24-24. Ci portiamo in avanti nei loro 22 ma chiediamo la mischia invece di piazzare, gli azzurri non segnano, dall’azione successiva Da Re commette “in avanti” volontario e l’arbitro Hollie Davidson estrae il secondo cartellino giallo ai danni dei nostri. I “Lobos” ci credono,  prendiamo meta ancora con Marta dopo un cambio di senso dopo due fasi portoghesi, 31-24. Si mette male ma gli azzurri si rifugiano di nuovo nella maul avanzante, è così che al 78’ segna il pilone Traore, Padovani pareggia 31-31. Nei minuti finali c’è ancora una maul ma un “in avanti” di Traore non ci fa marcare la meta, c’è erò il vantaggio, capitan Lamaro chiama di nuovo la touche e stavolta a Lucchesi non cade l’ovale, i lusitani commettono fallo ed arriva la meta di punizione assegnata dalla Davidson, 31-38.

A tempo quasi scaduto non poteva mancare anche l’errore di comprensione con l’arbitro, Albanese calcia fuori ma il cronometro non era ancora rosso. Per fortuna i “Lobos” sbagliano l’ultima touche e l’arbitro fischia la fine. Vince l’Italia, ma che sofferenza contro questo modesto Portogallo.

 

Prova per nulla convincente contro la 20° nel ranking, il Portogallo di sicuro ha giocato bene, con orgoglio, aveva dei giocatori da non sottovalutare che militano nelle serie minori di Francia per la maggiore, ma serve molto di più. Serviva una vittoria convincente che non è arrivata. Portiamoci a casa questo 38-31 che lascia molti dubbi in testa dopo l’ultima uscita vittoriosa di Cardiff al Sei Nazioni.

 

Tabellino: 7’ c.p. Marques (3-0), 17’ meta tecnica Portogallo (10-0), 26’ meta Fusco (10-5), 30’ meta Marin (10-10), 39’ meta Marta tr. Marques (17-10), 44’ meta Appleton tr. Marques (24-10), 46’ meta Padovani tr. Da Re (24-17), 54’ meta Lucchesi tr. Da Re (24-24), 68’ meta Marta tr. Marques (31-24), 74’ meta Traore tr. Padovani (31-31), 80’ meta di punizione Italia (31-38)

Calciatori: 4/4 Marques (Portogallo). 2/5 Da Re, 1/1 Padovani (Italia)

Cartellini: 15’ giallo Leonardo Marin (Italia), 65’ giallo Da Re (Italia)

 

Portogallo: Sousa-Guedes; Pinto (24’ st. Storti), Lima, Appleton (c), Marta; Portela, Marques; Simoes, Freitas (19’ st. Torgal), Granate; Madeira, Cerqueira; Hasse-Ferreira (24’ st. Prim), Tadjer (34’ st. Mascarenhas), Fernandes (35’ st. Costa) a
all. Lagisquet


Italia: Capuozzo; Trulla, Brex, Marin (28’ st. Zanon), Padovani; Da Re, Fusco (18’ st. Albanese); Giammarioli (7’ st. Zuliani), Lamaro (cap), Pettinelli; Zambonin (4’ st. Ruzza), Sisi (14’ st. Fuser); Ferrari (14’ st. Neculai), Faiva (4’ st. Lucchesi), Fischetti (30’ st. Traorè)
all. Crowley


arb. Davidson (Scozia)


Calciatori: Marques (Portogallo) 5/5; Da Re (Italia) 2/5; Padovani (Italia) 1/1
Cartellini: 16’ p.t. giallo Marin (Italia); 25’ st. giallo Da Re (Italia); 34’ st. giallo Marta (Portogallo)
Man of the Match: Marta (Portogallo)
Note: esordio in Nazionale per Da Re, Neculai e Albanese. Giornata calda, terreno in buone condizioni. 5100 spettatori.

notizie correlate

L'Australia supera l'Argentina per 26 a 41 [VIDEO]

L'Australia supera l'Argentina per 26 a 41 [VIDEO]

Buon primo tempo per i Pumas, i Wallabies vincono in rimonta
Andy Farrell con l'Irlanda per altri tre anni

Andy Farrell con l'Irlanda per altri tre anni

Il ct dei Verdi prolunga il contratto fino al 2025
Rugby: tutti gli highlights del terzo test della Serie [VIDEO]

Rugby: tutti gli highlights del terzo test della Serie [VIDEO]

Le video sintesi dell’ultima sfida tra emisfero Nord e Sud
Italia: le città dei Test Match di novembre 2022

Italia: le città dei Test Match di novembre 2022

In autunno Samoa, Australia e Sudafrica per gli Azzurri
Rugby: l’Irlanda è di nuovo in testa al Ranking

Rugby: l’Irlanda è di nuovo in testa al Ranking

La seconda vittoria irlandese sugli All Blacks vale il primo posto
Cile e Namibia qualificati alla RWC 2023

Cile e Namibia qualificati alla RWC 2023

Traguardo storico per la nazionale sudamericana, al suo debutto mondiale

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale