3 anni fa 10/01/2017 12:48

Italia: Cambio generazionale in prima linea

Il dopo Castrogiovanni: chi saranno i nuovi piloni azzurri?

Lo chiamano cambio generazionale. Quel processo di rinnovamento-alternanza che ogni gruppo (persino quelli spontanei) affronta con cadenza tutto sommato regolari, in ragione del naturale scorrere del tempo e del collegato evolversi delle situazioni.

Una squadra di rugby ha stampato nel suo più intimo dna il codice che la obbliga, ciclicamente, a variare facce e nomi in organico. Quanto un tale avvicendamento avvenga per esaurimento dei titolari o per dirompente ingresso sulla scena di elementi clamorosamente migliori di essi, è materia di studio. E fornisce, perfettamente definendola, la distanza esistente fra formazioni che sono espressione di movimenti in continua crescita, oltre che in regolare e naturale sviluppo, e quanti, invece, non disponendo di una tale generatore interno, devono sperare che qualche elemento duri più o meno in eterno. Mancando del tutto o carenti assai apparendo le alternative su piazza. Per capirsi: l’Irlanda, una volta pensionato O’Gara, ha messo al suo posto Sexton, con un tale Paddy Jakson a fargli da riserva (!). Noi, incassato il ritiro di Diego Domiguez, abbiamo brancolato più o meno nel buio, e navigato a vista, arrivando a far indossare la maglia n.10 a Masi, passando per Raineri e Pez. Fino a Gower che, però, ci ha mollati sul più bello per una questione di palanche.

Chiarito il concetto, e provando ad applicare il procedimento sopra esposto, tentiamo di capire cosa ne sarà, nell’immediato futuro, di quella che qualche inguaribile ottimista (per eccesso di amor patrio o per contratto) definì “la prima linea più forte del mondo”. Non intendo dire come la penso in proposito. Primo: perché non credo interessi a molti saperlo. Secondo perché trattasi di pura congettura.

Una cosa è certa, finché è stato possibile abbiamo spremuto succo e linfa vitale a Castrogiovanni per rendere credibile il lato destro della nostra prima linea. Quello determinante e, banalmente, fondamentale negli andamenti degli assetti del pacchetto. Apro e chiudo parentesi: a dire che è il pilone destro che concede o nega qualità al reparto “là davanti” sono, nell’ordine: i biomeccanici e i ragionieri. I primi sapranno spiegare (molto) meglio di me che nella complicata congerie dei trasferimenti di forza applicata in situazioni variabili e i relativi momenti vettoriali, spicca un dato inoppugnabile: se non sei forte a destra, tutto il resto non conta. Quanto a chi, di un club, di una franchigia o di una Union sovrana, ha in consegna la chiave del cassetto dei soldi, è noto da tempo che, a parità di valore parametrato sull’alto e altissimo livello, un pilone sul lato opposto all’introduzione stacca contratti mediamente del 30 per cento superiori per importo a quelli dei suoi colleghi sinistri. Una ragione ci sarà! Senza scomodare gli ingegneri.

Chiusa la parentesi mercatistica, mi sia concessa anche una premessa: oggi un pilone di alto livello sta raramente in campo per più di 50’. Nel corso dei quali deve: governare l’affrontamento in chiusa, contribuire al buon esito delle battaglie aeree (touche), integrarsi con i movimento organizzati di distribuzione e redistribuzione degli uomini sia in attacco sia in difesa, subire il minor numero possibile di sanzioni nella guerra degli assetti, dopo aver ingenerato nell’avversario diretto comportamenti illegali prodromici a mettere a referto punti importanti o a creare situazioni di soprannumero tatticamente rilevanti. Se non decisivi. Un’altra (ci ho preso gusto): il numero delle mischie ordinate essendosi (alto livello) ormai stabilizzato entro un range che va da 12 a 18, occorre che chi gioca in prima linea sia, da un punto di vista della tecnica esecutiva (prima individuale, in un secondo tempo, di linea e di reparto) molto, molto vicino alla perfezione. Che sappia, cioè, reiterare all’infinito quel meccanismo (chiuso) di efficacia che mette la squadra nella migliore delle condizioni di partenza per utilizzare possessi o limitare i danni in caso di possesso altrui. Il che non significa, come ogni tanto capita di sentir affermare da legioni di liberi docenti del nulla: che “la mischia chiusa non è più una fase di gioco capace di incidere in maniera determinante sull’esito delle partite”. Ma il suo esatto contrario. Proprio perché quantitativamente ridotte di numero.

(S)finito Castrogiovanni, il suo posto è andato (di diritto) a Lorenzo Cittadini, attualmente sotto contratto a Bayonne (ultimo in Top 14). Mentre per il ruolo di compagno di linea la scelta è caduta su Andrea Lovotti. Del gruppo “vacanze dove la fatica è roba seria” fanno anche parte: Simone Ferrari (foto a dx), Pietro Ceccarelli (forse, opinione personale), Nicola Quaglio, Dario Chistolini, Alberto De Marchi. Con Matteo Zanusso (foto a sx), Sami Panico e Tiziano Pasquali nella colonna dei potenzialmente interpellabili e i due “bresciani” Marco Riccioni e Daniele Rimpelli in quella del “dopodomani è un altro giorno”. È tanta roba? No. Ammettiamolo serenamente. È “materiale” (nel senso di: materia prima) di cui appaia lecito prevedere sostanziosi incrementi di valore nel breve-medio periodo? Ni, diciamolo con la dovuta dose di avveduto e responsabile ottimismo. Saranno questi a “metterci a posto la mischia nel Sei Nazioni alle porte?”. Magari! C’è in giro gente più forte, forse colpevolmente negletta da chi avrebbe dovuto rilevarne qualità e risorse? No, purtroppo.

Insomma: è la materia prima a far difetto. E dal momento che l’Argentina ha smesso di rifornirci… Vero, ma è giusto anche riconoscere agli eredi del grande Castro e di Perugini, ma anche di Nieto, Aguero e di Lo Cicero, di essere fra quanti hanno dato e stanno dando il massimo. In termini di dedizione e di impegno. Lavorando tanto e duramente per presentarsi al meglio al momento della chiamata. Lo so, bastasse la buona volontà…

Sul tema, il mio amico e maestro Pasquale Presutti sostiene che “Attualmente sono nell’orbita della Nazionale i migliori giocatori di prima linea che il nostro movimento è in grado di esprimere”. E a proposito di piloni destri, lui che proprio da destra contribuì (con Mario Piovan e Renato Busnardo) alla prima linea del Petrarca secondo me più forte di sempre: “Aggiungerei alla lista Roberto Tenga e Giuseppe Di Stefano, oggi entrambi alle Fiamme Oro. Ragazzi dotati e seri”. Che, detto da lui, sta per: forti fisicamente, tecnicamente in ordine, mentalmente solidi e con un futuro davanti.

 

Foto Elena Barbini

notizie correlate

Massimo Cioffi miglior giovane emergente del Top12

Massimo Cioffi miglior giovane emergente del Top12

Il giovane trequarti del Rugby Rovigo si aggiudica il Premio Giorgio Sbrocco
Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato di Top12 2018/19

Rugbymeet Award: il miglior Giovane del campionato di Top12 2018/19

Premio dedicato a Giorgio Sbrocco, ecco i 15 candidati
In memoriam di... chi ha passato la palla nel 2018

In memoriam di... chi ha passato la palla nel 2018

I rugbysti che ci hanno lasciati quest anno
Petrarca Rugby campione: la dedica è a Giorgio Sbrocco

Petrarca Rugby campione: la dedica è a Giorgio Sbrocco

Marcato “Siamo un gruppo di fratelli, questa è la nostra forza”
Michele Lamaro miglior giovane emergente dell’Eccellenza

Michele Lamaro miglior giovane emergente dell’Eccellenza

Il giovane terza linea del Petrarca si aggiudica il primo Rugbymeet Award
In centinaia per l’ultimo saluto a Giorgio Sbrocco

In centinaia per l’ultimo saluto a Giorgio Sbrocco

Aperta una sottoscrizione per opere benefiche destinate al Wheelchair Rugby e Alessandro Battistin
Leicester Tigers: Sudafrica battuto a Welford Road [VIDEO]

Leicester Tigers: Sudafrica battuto a Welford Road [VIDEO]

Sotto i riflettori un giovanissimo Manu Tuilagi e un Martin Castrogiovanni in pienissima forma

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale