2 mesi fa 29/07/2020 01:11

Formazione giovani: Ascione “serve quantità e qualità”

La Nazionale del futuro guarda alla prevenzione infortuni e all’aspetto mentale dei giocatori

Anno della svolta per l’Accademia? Novità sull’offerta formativa di FIR verso i giovani italiani? Sembra proprio così dalle ultime dichiarazioni del responsabile per l’Area Tecnica Franco Ascione.

La Nazionale del futuro guarda alla prevenzione infortuni e all’aspetto mentale dei giocatori senza dimenticare un obiettivo imprescindibile: “serve quantità e qualità”.

Franco Ascione anticipa un nuovo progetto di crescita che andrà intercettare i giovani usciti dall’accademia federale e dalla Nazionale Under 20 per andare a inserire i migliori prospetti in una sorta di Nazionale Emergenti permanente.

 

“Quello delle franchigie (Benetton Treviso e Zebre impegnate in Pro 14 contro gallesi, irlandesi, scozzesi e sudafricani; ndr) è uno standard, quello della Nazionale maggiore è un altro standard. Ora abbiamo bisogno di creare un livello intermedio”, ha dichiarato il responsabile per l’Area Tecnica Franco Ascione nell’intervista di Christian Marchetti sul Corriere dello Sport-Stadio.

 

Ascione si riferisce quindi alla creazione di un gruppo scelto di giocatori che dovrà inserirsi tra il livello del PRO14 e quello della Nazionale maggiore. Ecco che potrebbe tornare la Nazionale Emergenti, progetto abbandonato da un paio d’anni e che potrebbe riprendere vita con i migliori giocatori italiani usciti dalla nazionale Under 20.

 

I giocatori sotto contratto andranno a comporre “una sorta di Nazionale Emergenti permanente. Non per uno spot, piuttosto per assicurare ai più bravi un confronto continuo a livello internazionale”. Un gruppo che però vada oltre la vecchia Italia Emergenti, ex serbatoio della Nazionale maggiore che nel decennio scorso era impegnata contro nazionali minori (Romania,  Georgia e Uruguay) o seconde squadre (Argentina “A”), e produca elementi pronti per le franchigie.

 

“Abbiamo bisogno di quantità e qualità” continua Ascione dal Corriere “maggiore prevenzione contro gli infortuni, un più rapido ritorno in campo degli infortunati ed è fondamentale investire anche a livello psicologico. Il giocatore si relaziona sempre con l’allenatore e fatica a interagire con altre figure professionali mentre quella dello psicologo, per esempio, è una presenza fondamentale nel percorso formativo”.

 

 

notizie correlate

Le novità sul percorso di formazione dei giocatori di interesse nazionale

Le novità sul percorso di formazione dei giocatori di interesse nazionale

La Commissione Tecnica di Alto Livello FIR ha individuato due cicli per i migliori giovani italiani
Le Fiamme Oro Rugby presentano la propria Accademia

Le Fiamme Oro Rugby presentano la propria Accademia

Nasce così la terza alternativa alle Accademie federali
Accademia U20: i 37 selezionati per la stagione 2020/21

Accademia U20: i 37 selezionati per la stagione 2020/21

Mattia Dolcetto e Roberto Santamaria gli allenatori dell’Accademia Fir U20
FIR: i 114 giovani scelti per i Centri di formazione U18

FIR: i 114 giovani scelti per i Centri di formazione U18

Continua il progetto giovanile d’elite su 4 Accademie
Sostegno Ovale, ripartire da tre iniziative

Sostegno Ovale, ripartire da tre iniziative

Il Rugby Colorno riparte all’insegna della solidarietà con tre progetti
Benetton Rugby: i sei permit players per la stagione 2020/21

Benetton Rugby: i sei permit players per la stagione 2020/21

Tre giocatori in arrivo dall’Accademia e tre dal TOP12

ultime notizie di Nazionale

notizie più cliccate di Nazionale