8 mesi fa 11/05/2021 01:26

Kieran Crowley e un nuovo staff tecnico per l’Italia

Si cerca la soluzione interna, Franco Smith spostato a direttore dell’alto livello

Sembra ormai fatta per Kieran Crowley, 59enne neozelandese primo indiziato per la panchina dell’Italia del rugby.

Rugbymeet aveva anticipato la ricerca da parte di Fir di un nuovo capo allenatore che avrebbe sostituito Franco Smith, i francesi Guy Noves e Pierre Mignoni non avrebbero accettato l’offerta ed ecco che Crowley, ormai ex allenatore del Benetton Rugby, vince il duello finale con l’allenatore delle Zebre Michael Bradley. L’ex CT del Canada potrebbe quindi essere annunciato mercoledì 19 maggio.

 

Con Marzio Innocenti nuovo Presidente Fir anche la Nazionale maggiore avrà una nuova guida: Kieran Crowley ct e staff ridotto a due vice allenatori, Marius Goosen (ex Benetton) al suo terzo mandato azzurro dopo la collaborazione con O'Shea e Smith, e  Andrea Moretti (ex azzurro già coach di Petrarca, Accademia e Under 20) per gli avanti (già per Aironi e Zebre) .

Franco Smith dopo aver gestito l'anno difficile della pandemia e dopo 0 vittorie in 14 match diventerà responsabile dell'alto livello. Dal campo alla scrivania.

 

Secondo il Mattino di Padova Crowley sarebbe stato preferito nel rush finale a Michael Bradley, coach delle Zebre. “Così quando la trattativa con l'ex All Blacks s'è arenata (si è parlato di una cifra superiore ai 400mila euro), è stato contattato il coach irlandese che, fra l'altro, è già un dipendente federale. E nella logica dei risparmi che questa Fir vuole perseguire, è un dettaglio non trascurabile. Anche la gestione Gavazzi che pur mirava a nomi d'effetto come Cheika o Wayne Smith, quando Eddie Jones chiese 750mila euro e uno staff costoso, lasciò cadere la trattativa. Negli ultimi giorni Crowley ha accettato un contratto per un cifra inferiore”.

 

Kieran Crowley, All Black 848, estremo campione del mondo 1987 è chiamato a guarire questa Italia dai 32 ko consecutivi nel 6 Nazioni.

 

 

Foto Alfio Guarise

 

 

 

Consulta l'intero catalogo RM - materiale per il rugby ad ogni livello

 

 

 

Visita il nostro shop online!

 

 

Aldo Nalli  8 mesi fa

La casa si costruisce dalle fondamenta non dal tetto.... In questo senso la divisione tra alto e basso livello con distinti tecnici mi pare un ottima idea, ma attualmente come allenatore chiunque metti può ambire ad una vittoria, na non di più...

notizie correlate

Italia a raduno in preparazione del Sei Nazioni 2022

Italia a raduno in preparazione del Sei Nazioni 2022

Il calendario delle partite e i 33 azzurri convocati
La società di criptovalute Bitpanda nuovo sponsor dell’Italia del rugby

La società di criptovalute Bitpanda nuovo sponsor dell’Italia del rugby

Innocenti: “Gli investimenti online sono il fenomeno finanziario che sta incuriosendo ed interessando tutti”
Italia: le giovani novità, i pochi veterani e gli equiparati

Italia: le giovani novità, i pochi veterani e gli equiparati

“Ripartiamo dalla vittoria contro l’Uruguay” dice Crowley
Italia: i 33 convocati per la 22esima apparizione al Sei Nazioni

Italia: i 33 convocati per la 22esima apparizione al Sei Nazioni

Non è ancora tempo del clamoroso ritorno di Parisse, c’è Toa Halafihi
Tommaso Castello si ritira dal rugby giocato

Tommaso Castello si ritira dal rugby giocato

Decisivo l’infortunio di Twickenham quasi tre anni fa
Ritrovato Francesco Minto, notte al freddo in Val Montanaia

Ritrovato Francesco Minto, notte al freddo in Val Montanaia

L'ex nazionale Azzurro era stato dato per disperso dopo un'escursione
Kieran Crowley su Polledri e uno sguardo ai Mondiali 2023

Kieran Crowley su Polledri e uno sguardo ai Mondiali 2023

“Il 70% potrà fare i Mondiali ma pochi sono al livello di All Blacks o Francia”

ultime notizie di Mercato

notizie più cliccate di Mercato