1 mese fa 15/06/2020 10:00

Dean Budd, Ian McKinley e Nasi Manu lasciano Benetton e tornano a casa

Ecco tutte le partenze dal Benetton Treviso. Zanni entrerà a far parte dello staff

Grandi addii dalla Ghirada, dove la prossima stagione non vedrà numerosi pezzi grossi che hanno fatto grande la storia del club degli ultimi anni, e non solo. Ecco che la Tribuna Treviso fa il punto sulla situazione del club di Kieran Crowley.

Alessandro Zanni, leggenda vivente di questa squadra, che a 36 anni sembra non sentire la fatica degli anni. 111 caps in Azzurro, 11 anni in maglia bianco-verde. A breve conseguirà la laurea in Scienze motorie e sarà preparatore atletico della squadra.

Discorso a parta per le altre stelle. Ian McKinley, 31 anni, farà ritorno in Irlanda. La sua storia ha commosso una generazione di rugbysti: Leinster, Nazionale irlandese under 20. Poi l'incidente, che gli è costato un occhio, ma non il coraggio di tornare in gioco. E in Italia lo ha fatto: prima al Viadana, poi a Treviso, infine con l'Italia, con cui ha coronato il sogno del Sei Nazioni.

Parte anche il gigante della seconda linea, Dean Budd. A 34 anni in tanti lo vedevano un leader papabile in nazionale, seppur equiparato. E invece Dean ha deciso di tornare in Nuova Zelanda, la sua terra natìa.

Non per ultimo ricordiamo il buon Nasi Manu. Il tongano che ne ha passate di tutti i colori, ma che alla fine ha superato il cancro e ha guadagnato una storica convocazione alla Rugby World Cup 2019. Il gigante tornerà a casa, nel Pacifico.

In conclusione ecco le partenze significative, con Tito Tebaldi che andrà in Top12, destinazione Petrarca (a Treviso sarà chiuso da Petrozzi, Duvenage e Braley). Charly Trussardi passa a Rovigo, e probabilmente sarà usato come permit da Benetton. Tra i nuovi arrivi c'è quello di Lorenzo Cannone, fratello di Nicolò, e Davide Ruggeri, terza linea della Nazionale U20.

Aldo Nalli  1 mese fa

Scusate ma Budd, punto fermo di Treviso, nazionale con doti da leader..... E ora torna in Nuova Zelanda? Pare strano solo a me?

Alessio Boscarino  1 mese fa

Un incredibile peccato sentimentalmente, per abitudine e simpatia che regalavano. Credo però che, dato il periodo passato ed in generale per la lontananza dalla famiglia, sia naturale dopo un arco importante della propria vita ritornare a casa. E' stato bellissimo poterli vedere tutti all'opera da vicino, si può solo sperare di rivederli in Italia prima o poi, in particolare Mckinley da Allenatore!

notizie correlate

Zebre e Benetton: l’avvicinamento al derby di PRO14

Zebre e Benetton: l’avvicinamento al derby di PRO14

Bradley “calciare è un'opzione d'attacco, non per liberare e basta”
Le novità sul percorso di formazione dei giocatori di interesse nazionale

Le novità sul percorso di formazione dei giocatori di interesse nazionale

La Commissione Tecnica di Alto Livello FIR ha individuato due cicli per i migliori giovani italiani
Ufficiale: Marco Fuser è un giocatore dei Newcastle Falcons

Ufficiale: Marco Fuser è un giocatore dei Newcastle Falcons

Il seconda linea lascia Treviso dopo 8 stagioni
Federico Ruzza “dovrò lavorare in difesa sul contatto”

Federico Ruzza “dovrò lavorare in difesa sul contatto”

Benetton Rugby: tornare in campo ma senza obiettivo playoff
Italia: Hame Faiva nel mirino?

Italia: Hame Faiva nel mirino?

Il tallonatore neozelandese potrebbe presto esordire in azzurro
Torna il PRO14: Benetton Rugby v Zebre Rugby il 21 agosto

Torna il PRO14: Benetton Rugby v Zebre Rugby il 21 agosto

Entrambi i derby di PRO14 in diretta su DAZN

ultime notizie di Mercato

notizie più cliccate di Mercato