1 mese fa 06/08/2020 10:12

Si ritira il ball carrier Nick Williams [VIDEO]

Appende le scarpe al chiodo uno dei veri impact player internazionali

Dopo 16 anni di professionismo anche l’enorme Nick Williams (1,91 m x 120 kg) ha deciso di ritirarsi dal rugby giocato all’età di 36 anni. Il numero 8 neozelandese ex All Blacks U20 è stato uno dei veri ball carrier del rugby internazionale, un giocatore dotato di grande potenza ma anche di una capacità di off load e di gestire l’ovale tra le sue mani paragonabile a un mediano. 

Williams è nato ad Auckland da genitori di origini samoane, ha giocato da giovane a rugby league per poi passare al rugby union quasi maggiorenne. Ha iniziato la sua carriera in Nuova Zelanda con i Blues e North Harbour giocando 37 partite di Super Rugby per la franchigia di Auckland. Quattro le presenze con i “Baby” All Blacks prima di trasferirsi in Europa.

Nel 2008 approda al Munster, dopo due stagioni viene ingaggiato in Italia dagli Aironi Rugby come uno dei giocatori stranieri con l’ingaggio più alto. Dopo il fallimento degli stessi Aironi torna in Irlanda stavolta con l’Ulster, infine il passaggio ai Cardiff Blues dove in 4 stagioni fa registrare 77 presenze condite da 13 mete.

 

“È triste non aver avuto la possibilità di giocare un'ultima partita all'Arms Park, ma con il Covid-19, e tutto ciò che ne è derivato, ci sono state cose molto più grandi di cui preoccuparsi” ha dichiarato Nick Williams.

“Ho avuto la fortuna di giocare a rugby per così tanto tempo e non avrei mai potuto immaginare di diventare un giocatore professionista per 16 anni e di viaggiare in così tanti posti fantastici in tutto il mondo”.

“Quando sono arrivato a Cardiff sapevo che questo sarebbe stato il mio ultimo club e ho cercato di dare il massimo in ogni singolo minuto. Se potessi continuare a giocare lo farei, ma è il momento di dire basta, mia moglie e la mia famiglia hanno bisogno di me.”

“Io e la mia famiglia ci siamo sistemati qui ora, questa è la nostra casa e non vedo l'ora di condividere una birra con alcuni dei tifosi dei Blues sulla terrazza quando torneremo all'Arms Park.”

 

 

notizie correlate

Dieci anni fa nascevano gli Aironi, un volo durato due stagioni

Dieci anni fa nascevano gli Aironi, un volo durato due stagioni

Melegari “tradito dalle parmigiane, la Fir non ci ha voluto aiutare”
Fabio Ongaro: standing ovation

Fabio Ongaro: standing ovation

Flanker agli esordi e poi tallonatore, Fabio Ongaro ha guadagnato 81 caps per la nostra nazionale, uno dei quali da capitano, ha preso parte a tre edizioni della Coppa del Mondo e ha giocato nove anni di Sei Nazioni, dal 2003 al 2012.
Andrea Masi: duro come la roccia

Andrea Masi: duro come la roccia

In una carriera durata sedici anni Andrea Masi ha vestito tutte le maglie che vanno dalla numero 10 alla numero 15, ha partecipato a quattro edizioni della Coppa del Mondo e ad oggi è l’unico italiano ad essersi meritato il titolo di “miglior giocat
Mauro Bergamasco: il gladiatore

Mauro Bergamasco: il gladiatore

Mauro Bergamasco è il pilastro del rugby italiano. Con quindici anni di Sei Nazioni e cinque mondiali sulle spalle il flanker è sicuramente, insieme a pochi altri, l’emblema del rugby azzurro nel mondo.
Blues-Crusaders è stata cancellata

Blues-Crusaders è stata cancellata

Alla fine il governo neozelandese ha detto di no
Highlanders-Hurricanes si giocherà a porte chiuse

Highlanders-Hurricanes si giocherà a porte chiuse

Le ultime dalla Nuova Zelanda vedono un lieve aumento dei contagi, e il governo interviene sui prossimi match di Super Rugby
Nuovi casi di COVID ad Auckland, Blues-Crusaders a rischio

Nuovi casi di COVID ad Auckland, Blues-Crusaders a rischio

La città neozelandese finisce nuovamente in lockdown

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale