1 anno fa 08/08/2019 16:27

Rugby: Nuova regola sui calci in touche dalla stagione 2019/20

Nei campionati italiani di rugby verrà immediatamente introdotta una nuova regola sui calci di spostamento

Si chiama “50/22” la nuova regola sperimentale introdotta su indicazione di World Rugby e che verrà adottata nei campionati italiani a partire dalla prossima stagione 2019/20.

La nuova regola interesserà i campionati seniores di Peroni TOP12, Coppa Italia, Serie A Maschile e Femminile, Serie B e Serie C oltre alle categorie giovanili Under 18 e Under 16. Ciò in attesa del parere definitivo di World Rugby sulla questione.

La regola “50/22” riguarda i calci in touche ed è già in uso nelle competizioni domestiche del continente australe, tale regola dovrebbe garantire la creazione di spazi più ampi nelle difese a vantaggio di un gioco sempre più offensivo. In pratica mettendo le difese nella condizione di concentrarsi sulla copertura profonda del campo, quindi schierando più uomini in profondità, ci sarà più spazio da attaccare per la squadra in possesso di palla.

Nel prossimo ciclo quadriennale World Rugby valuterà se rendere questa regola sperimentale a tutti gli effetti definitiva.

 

La nuova regola sui calci in touche:

a) Se una squadra in possesso del pallone calcia dalla propria meta campo ed il pallone esce indirettamente in touch nei 22 avversari, la squadra che ha calciato avrà diritto al lancio.

b) Se una squadra in possesso del pallone calcia dall’area dei propri 22 ed il pallone esce indirettamente nella meta campo avversaria, la squadra che ha calciato avrà diritto al lancio.

 

In definitiva questo tipo di calci potranno far guadagnare un lancio in touche in una zona di attacco, una base di partenza molto interessante per la squadra in attacco. Se la squadra avversaria schiera più giocatori in copertura sarà più difficile trovare la touch con un calcio ma nel contempo si avranno più spazi da attaccare con la palla in mano. Questo dovrebbe favorire il gioco.

 

Franco Ascione, Responsabile dell’Area Tecnica di FIR e membro della Commissione internazionale di lavoro di World Rugby che ha sviluppato la regola sperimentale, ha dichiarato: “Il rugby moderno è indirizzato sempre più a cercare spazi per un gioco più rapido, spettacolare e sicuro, dove le capacità tecniche e tattiche vengano premiate dal gioco. La regola “50/22” è coerente con la visione del gioco che l’organismo internazionale intende proporre. La scelta di partecipare attivamente e da subito alla sperimentazione consentirà ai nostri atleti, ad ogni livello, di sviluppare nuove competenze tecnico-tattiche e di mettere in campo un rugby più dinamico ed al passo coi tempi.”

 

Foto Martina Sofo

Lorenzo Romoli  1 anno fa

Stesso identico articolo sul sito ufficiale della FIR... O ve l'hanno rubato, nel qual caso hanno un ufficio stampa del cavolo, o voi l'avete preso da loro ed allora credo serva citare la fonte...

Lorenzo Romoli  1 anno fa

Comunque bella regola vedremo come sarà interpretata...

Staff Rm  1 anno fa

Ciao Lorenzo, le descrizioni della regola e le dichiarazioni di Ascione sono state riportate pari pari dal sito federale. Ovviamente non ci siamo inventati noi la nuova regola ma abbiamo riportato quanto comunicato dagli organi federali

Samuele Bartolini  1 anno fa

Sicuramente si vedranno più azioni di attacco, in Italia abbiamo pochi calciatori abili per cui si cercherà molto di più di segnare mete, per me è positivo

Sara Gaudino  1 anno fa

Posso dirlo? secondo me sarà un gran casino, sia per chi giocherà che per chi come me sta sulla staccionata

notizie correlate

Allarme Stade Français, si sospettano 25 casi di COVID-19

Allarme Stade Français, si sospettano 25 casi di COVID-19

Membri dello staff, dirigenti e giocatori contagiati dopo il ritorno da Nizza
Per Blues-Crusaders ci sarà il tutto esaurito

Per Blues-Crusaders ci sarà il tutto esaurito

Attesi oltre 43,000 spettatori, un sold-out senza precedenti
Exeter Chiefs a rischio fallimento se si gioca a porte chiuse

Exeter Chiefs a rischio fallimento se si gioca a porte chiuse

Il CEO Tony Rowe è stato chiaro "gli sponsor e i diritti tv servono, ma noi campiamo con i biglietti venduti ai tifosi"
Il wrestler Sheamus si racconta: "in WWE sono un duro, devo ringraziare il rugby"

Il wrestler Sheamus si racconta: "in WWE sono un duro, devo ringraziare il rugby"

Stephen Farrelly si considera uno coriaceo e duro, il tutto grazie al suo passato nel rugby al college
Scozia, giocatori in guardia in vista della ripresa del Pro14

Scozia, giocatori in guardia in vista della ripresa del Pro14

Ad Aberdeen due casi positivi tra i calciatori della Premier League in un pub, e il CEO Mark Dodson avverte i rugbysti
Si ritira il ball carrier Nick Williams [VIDEO]

Si ritira il ball carrier Nick Williams [VIDEO]

Appende le scarpe al chiodo uno dei veri impact player internazionali
Quarto giocatore straniero in TOP12, venerdì la decisione definitiva per Rovigo

Quarto giocatore straniero in TOP12, venerdì la decisione definitiva per Rovigo

Il consiglio federale si esprimerà sulla stagione 2020/21

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale