1 mese fa 04/07/2020 17:37

Cullen Grace: il “rosso” dei Crusaders

Giovani talenti del rugby neozelandese

Una nuova e giovane generazione di talenti sta emergendo in questa “spezzettata” stagione di Super Rugby, soprattutto in Nuova Zelanda e in particolar modo in terza linea.

Il giocatore di cui vi parleremo oggi, nonostante la giovanissima età, viene considerato da tanti in Nuova Zelanda come il nuovo Kieran Read, per la sua grande conoscenza e abilità nel gioco ma in primis per il suo immenso “workrate”. Questo ragazzo di nome Cullen Grace è nato ad Hawera in Nuova Zelanda il 20 dicembre del 1999, cresciuto poi a Timaru, può ricoprire sia il ruolo di terza linea ma anche quello di seconda linea, grazie anche alle sue doti fisiche (190 cm di altezza per 107 kg di peso).

Nel suo periodo di crescita a Timaru (paese nella parte meridionale della provincia di Canterbury) a partire dal 2017 gioca per la Timaru Boys’ High School dove viene eletto anche capitano. Il 2017 rappresenta la rampa di lancio per la carriera del giovane giocatore, in quanto nello stesso anno gioca nella selezione delle Scuole Neo Zelandesi. Successivamente nel 2018 entra nella Lincoln University e gioca per la squadra dell’università, in seguito diventa capitano della selezione provinciale di Canterbury u19 e viene convocato negli All Blacks per la coppa del mondo u20. Nel 2019 gioca la Mitre 10 cup con Canterbury e si fa valere a tal punto che riceve, alla cerimonia di premiazione indetta ogni anno da Canterbury, assieme a Dallas McLeod (compagno di squadra e centro) il premio come miglior esordiente della stagione. A distanza di un mese dalla cerimonia viene selezionato nella rosa dei Crusaders per disputare il Super rugby 2020, diventando così il più giovane giocatore ad essere stato selezionato in una franchigia Neo Zelandese per il Super Rugby 2020.

Il versatile terza linea esordisce con i Crusaders precisamente sabato 1° febbraio 2020 contro i Waratahs a Nelson (Nuova Zelanda), entrando al 67’ per il compagno di squadra Tom Christie, la partita finì poi 43 a 25 per i padroni di casa. Oltre ai vari riconoscimenti ci sono anche molti dati statistici a testimonianza del suo talento. Finora ha collezionato 8 presenze coi Crusaders, di cui 6 da titolare, 463’ minuti totali, 85 placcaggi riusciti su 95 una percentuale del 89% (3° nella classifica placcatori del Super Rugby Aotearoa), 45 palloni portati, 99 metri totali di avanzamento (2,2 metri di media ad avanzamento), 6 palloni recuperati ,4 assist e solamente 4 penalità concesse. In Nuova Zelanda c’è già grande attesa per questo giovane atleta, che a soli 20 anni ha già raggiunto grandi traguardi e in così poco tempo. Ora purtroppo è fermo ai “box”, per un infortunio al pollice subito nel finale dell’ultima partita contro i Chiefs, infortunio che gli è costato un’operazione chirurgica.

Noi non possiamo far altro che augurargli una pronta guarigione sperando di vederlo presto di nuovo in campo.

 

Buon rugby

 

Di Giovanni Caselli

Foto Super Rugby 

 

notizie correlate

Vittoria netta dei Crusaders, Chiefs battuti 19-32

Vittoria netta dei Crusaders, Chiefs battuti 19-32

Nel match dell'8° giornata i Crusaders incassano vittoria e bonus ad Hamilton
Crusaders v Hurricanes 32-34 [VIDEO]

Crusaders v Hurricanes 32-34 [VIDEO]

I Crusaders cadono in casa per la rima volta dopo 4 anni
La prodezza di Richie Mo’unga in Crusaders - Blues [VIDEO]

La prodezza di Richie Mo’unga in Crusaders - Blues [VIDEO]

L’istinto e la bravura del numero 10 dei Crusaders. L’azione che ha cambiato la partita?
Si ritira il ball carrier Nick Williams [VIDEO]

Si ritira il ball carrier Nick Williams [VIDEO]

Appende le scarpe al chiodo uno dei veri impact player internazionali
Sei Nazioni 2020: le date delle ultime giornate

Sei Nazioni 2020: le date delle ultime giornate

Confermato un torneo a 8 Nazioni in autunno

ultime notizie di Internazionale

notizie più cliccate di Internazionale