4 anni fa 23/01/2017 11:09

La storia di Matteo e della sua prima meta

Matteo è il primo giocatore con disabilità cognitive ammesso a una gara ufficiale

La meta di Matteo batte ogni pregiudizio

Matteo è un ragazzo con disabilità cognitive che si allenava da tempo ma non aveva ancora potuto giocare una partita ufficiale di rugby. Questo fino a sabato, quando proprio nel giorno del suo esordio in campo a Goricizza di Codroipo (Udine) segna la sua prima meta nella sua prima partita!

Matteo ha 15 anni, originario di Udine, ed è il primo giocatore in Friuli con disabilità cognitive a essere stato ammesso dalla Federazione Italiana Rugby a partecipare a una gara ufficiale nella categoria Under 14.

Matteo indossa i colori della Over Bug Line con la maglia numero 158. La sfida è all’Azzano Decimo, gara ufficiale del campionato Under 14.

Passano pochi minuti dal fischio iniziale, Matteo riceve un passaggio da un compagno e corre con l’ovale tra le mani, supera gli avversari e fa meta. Tutti applaudono, tutti esultano. “Ne vogliamo un’altra, ne vogliamo un’altra” gli gridano i compagni abbracciandolo stretto. Esulta il suo allenatore Riccardo Sironi (foto) alzando le braccia al cielo. Queste le sue parole:

“Sono più di 20anni che alleno ragazzi, le emozioni che loro riescono a trasmettermi mi danno la forza di andare avanti. Matteo è un ragazzo con disabilità intellettive, ha avuto l'autorizzazione eccellente per giocare con l'Under 14 (lui sarebbe un U16) dell'OverBugLine - Rugby Codroipo. Calcio d'inizio squadra avversaria, un compagno prende la palla e avanza superando 2 avversari, viene placcato dal terzo e trova Matteo in sostegno che elude 2 avversari e segna la prima meta dell'incontro in mezzo ai pali. 
Emozioni allo stato puro!!! Amo questo sport!!!”

Roberto, papà di Matteo da il Messaggero Veneto: “Non è facile all’inizio quando scopri che cosa ha tuo figlio. Istintivamente, la prima cosa che ti viene da fare è quella di chiuderti dentro casa e non vedere nessuno.
Preferisci startene dentro al tuo guscio che uscire perché lì ti senti protetto e non devi fare i conti con gli sguardi della gente o delle persone che non sanno ma ti giudicano. Perché anche andare a mangiare una pizza può diventare qualcosa di troppo difficile. Ben presto, però, abbiamo capito che se continuavamo così tutto sarebbe finito e che la nostra famiglia sarebbe implosa. E non lo potevamo permettere. Così abbiamo iniziato a uscire, aiutati anche da varie associazioni, perché sapevamo che quella era l’unica strada giusta da percorrere”.

A fine primo tempo c’è l’abbraccio con il suo allenatore “Vorrei fare un’altra meta” dice Matteo.

La meta di Matteo batte ogni pregiudizio.

 

notizie correlate

Oggi in campo Calvisano e Petrarca per la nona giornata

Oggi in campo Calvisano e Petrarca per la nona giornata

Rinviati due match causa COVID 19, domani Valorugby-Colorno
Calvisano e Rovigo vincono nei recuperi di Top10

Calvisano e Rovigo vincono nei recuperi di Top10

Ampio successo dei calvini al Giulio Onesti
Le formazioni dei recuperi di Top10

Le formazioni dei recuperi di Top10

Sfida testa-coda tra Lazio e Calvisano
“Stiamo vivendo una situazione insolita, ma siamo pronti a giocarci le nostre carte”

“Stiamo vivendo una situazione insolita, ma siamo pronti a giocarci le nostre carte”

Luca Varriale commenta la situazione inusuale che sta vivendo Noceto
Solo due match in programma nella domenica di Top10

Solo due match in programma nella domenica di Top10

Cancellate le sfide di Colorno e Calvisano a causa di positività al COVID-19
Riflettori sulla Serie B, dove brilla l'incertezza

Riflettori sulla Serie B, dove brilla l'incertezza

Tra protagoniste attese e nuove candidate alla promozione

ultime notizie di Giovanile

notizie più cliccate di Giovanile