3 anni fa 18/03/2017 16:04

Il post Scozia - Italia: Conor O’Shea “è stato incredibile non aver segnato”

Per far crescere l’Italia serve un “campo di livello”

La Scozia ci ha battuto nettamente nell’ultima giornata del 6 Nazioni per 29-0. Una Scozia più cinica e precisa degli azzurri ha dominato per 80 minuti il match di oggi, l’Italia può recriminare la giornataccia al piede di Carlo Canna (0/3 ai pali) e due nette occasioni da meta sfumate in nulla. Prima Angelo Esposito è stato tenuto alto in area di meta e poco dopo Edoardo Padovani si è fatto scappare sotto le gambe l’ovale che era solo da appoggiare oltre la linea, c’è da dire che l’off load di Esposito non è stato dei migliori. 

Il Ct dell’Italia Conor O’Shea intervistato al termine del match di Murrayfield: “Sono stati più forti di noi perché non siamo stati in grado di fare punti. Abbiamo avuto molte opportunità che non abbiamo concretizzato. I punti danno energia alla tua squadra, oggi questa energia non è arrivata. E’ stato incredibile non aver segnato” dice O’Shea riferendosi alle mete sfuggite prima a Esposito e poi a Padovani.

Cosa serve per rendere competitiva l’Italia?
“Come ho già detto abbiamo un potenziale incredibile in Italia. La strada è lunga e dura. Dobbiamo creare un “campo di livello” e far crescere i giovani”.
Come campo di livello O’Shea intende un gruppo di giocatori di qualità in grado di competere a livello internazionale. “Sono ancora più fiducioso e determinato di quando ho iniziato questo progetto. Sarà dura? Sì, sarà dura ma dobbiamo cambiare il sistema, creare le giuste condizioni attorno a questo gruppo di giocatori o continueremo a giocare contro i favori del pronostico” .

 

Tabellino formazioni e statistiche di Scozia - Italia

Risultati e classifica del 6 Nazioni - Clicca sul match per tabellini e statistiche

Foto Pino Fama

notizie correlate

Chris Robshaw ha confessato di aver sofferto di depressione

Chris Robshaw ha confessato di aver sofferto di depressione

L’ex capitano dell’Inghilterra parla di uno dei momenti più bui della sua vita
I cinque CT di Sergio Parisse

I cinque CT di Sergio Parisse

L’ex capitano dice la sua su ogni tecnico della Nazionale da Allrugby Podcast
Conor O’Shea entra nella RFU, sarà il director of rugby performance

Conor O’Shea entra nella RFU, sarà il director of rugby performance

L’ex CT dell’Italia diventa Responsabile della Gestione della Performance dei giocatori professionisti d’Inghilterra
Perennemente sui carboni ardenti: gli allenatori dell’Italrugby

Perennemente sui carboni ardenti: gli allenatori dell’Italrugby

I numeri dei CT che hanno guidato l’Italia del rugby
Conor O’Shea e l’Italrugby: c’eravamo tanto amati (Parte 2)

Conor O’Shea e l’Italrugby: c’eravamo tanto amati (Parte 2)

Note a margine sui quattro anni di Conor O’Shea e la scelta del suo sostituto.
Italia: Marco Lazzaroni “Smith ci vuole arroganti”

Italia: Marco Lazzaroni “Smith ci vuole arroganti”

“Dobbiamo diventare una squadra che ha cuore, che non ha paura di giocare”

ultime notizie di 6 Nazioni

notizie più cliccate di 6 Nazioni